20/11/2017

Management "diVino"

Management “diVino” ovvero …
 
Contrapporre l’acqua al vino è una vecchia storia.
Ci fu anche chi riuscì nel miracolo di trasformare acqua in vino facendo un vero atto “diVino”.
Da questo gioco di parole parte il nostro contributo a Wine2wine
 
Quando la qualità del prodotto è così diffusa da essere quasi scontata ....
Quando internazionalizzare  è l’imperativo per grandi e piccole realtà… Quando web, digital, social, e-commerce, web reputation diventano le parole da cui non si può prescindere e vengono sempre ripetute  … Quando grandi enologi e giovani startupper  si contendono prestigiosi premi ….
 
…. perché alcuni hanno successo e altri no?
 
Cosa può fare la differenza?
Cosa sfugge o cosa viene spesso dimenticato o sottovalutato?
Che differenza c’è tra un “management diVino” e una gestione aziendale che “fa acqua” da tutte le parti?
 
L’impresa vitivinicola e la cantina sono aziende che, in un contesto molto competitivo come l'attuale, devono saper generare valore e distribuirlo. Per  farlo hanno bisogno di una gestione aziendale che tende all' eccellenza. Se ogni sorso di vino genera un giudizio e una valutazione in chi lo beve, e questo ci spinge a migliorare, come possiamo stimolare un percorso altrettanto virtuoso nella gestione aziendale?
 
Fare vino richiede molti investimenti: vigneti, cantina, prodotto in invecchiamento. Certo, esiste un ciclo di produzione annuale scandito dai tempi annuali della natura… ma esiste un ciclo economico e finanziario che si esplica nel lungo  periodo. Servono marginalità, flussi economici-finanziari e una fiscalità  che garantisca la stabilità e lo sviluppo dell’azienda nel lungo periodo.
 
Da dove partire?
 
Ne parleremo a Wine2wine!